Controtendenza: calano gli annunci, rimangono stabili le ricerche dei clienti

Escort Advisor , il primo sito di recensioni di escort in Europa , ha rilevato un dato interessante che emerge confrontando l’andamento delle ricerche degli
utenti a tema “escort” su Google, con l’effettiva presenza di escort nelle città italiane, misurato tramite le inserzioni pubblicate da queste ultime. Si nota come il calo delle inserzioni delle sex workers sia ben più marcato rispetto alla “lieve” diminuzione del numero di ricerche dei clienti.
Questo perché i clienti delle escort vogliono informarsi e continuare ad avere notizie sul mercato e sulle professioniste.

Escort Advisor sta accusando il colpo della crisi meno rispetto alle normali bacheche di annunci, proprio per questo motivo: sul sito sono tuttora
visibili più di 68.700 profili di escort con recensioni , poiché raccoglie tutti i numeri di telefono associati ad annunci di escort pubblicati su tutte le bacheche online italiane. Questo solleva un tema interessante: il settore è fermo, le escort sono costrette a non lavorare perché non è possibile fare incontri e in parte anche per coscienza civica, ma la voglia di informarsi su di loro non cala. Gli utenti continuano a cercare , su Google e sui motori specializzati come Escort Advisor, anche se con meno frequenza, perché sanno che prima o poi questo periodo passerà e non rinunciano alla sicurezza solo per la libertà di divertirsi.

Nell’ultima settimana, fra il 16 ed il 22 di marzo , il motore di ricerca di Escort Advisor che analizza gli annunci inseriti sulle principali bacheche escort italiane, ha rintracciato in media il -94% di annunci in meno pubblicati dalle escort a livello nazionale . Prima della crisi sulle principali bacheche di annunci italiane si trovavano 24.000 numeri al giorno legate a professioniste del sesso. La scorsa settimana si è arrivati solo 1.600 al giorno in tutto.

La regione più colpita dal calo di presenze è la Sardegna (-56%), seguita da Lombardia (-51%), Trentino Alto Adige (-44%), Veneto (-42%), Toscana (-42%), Puglia (-40%), Campania (-40%), Lazio (-37%), Emilia Romagna (-36%), Piemonte (-34%). Analizzando le ricerche su Google, invece, emerge che, a partire dal 17 febbraio (spartiacque della crisi, fino al 13 marzo), il volume di ricerche per le parole chiave a tema “escort” (affiancata ad una città come per es. “escort Milano”, “escort Torino”, escort Roma”) si è ridotto del -9,20%, con un trend in diminuzione mano a mano che le misure di contenimento dell’emergenza si sono inasprite.

Anche le ricerche su Google di singoli numeri telefonici delle escort sono calate del -13,89%. Queste ricerche sono frutto del fatto che gli utenti più attenti sanno che spesso gli annunci contengono informazioni false e fuorvianti e quindi cercano informazioni nel web per confermarne il contenuto.
A livello regionale si riscontra un calo di ricerche su Google di “escort per città” in Lazio del -22,39%, in Lombardia del -21,40%, in Trentino Alto Adige del -21,30%, in Emilia Romagna del -20,40%, in Campania del -12,94%, in Sardegna del -11,29%, in Veneto del -16,97%, in Toscana del -9,59%, in Puglia del -8,95%, in Piemonte del -8,78%.

<< Le persone vogliono continuare ad informarsi, magari con meno frequenza, e navigano su Escort Advisor perché sul sito ci sono tuttora 68.700 profili visibili – spiega Mike Morra, CEO di Escort Advisor, il primo sito di recensioni di escort in Europa – I profili non sono annunci ma consentono di gestire la propria reputazione online, funziona proprio come i più noti siti di recensione. Ad esempio, mentre su un sito di annunci si può “spegnere” la pubblicità, come un ristorante può fare su Google se chiuso, non potrà “spegnere” invece le
recensioni su Tripadvisor durante le chiusure, perchè sono i contributi lasciati da terzi >>.

Per questo su Escort Advisor restano visibili oltre 68.700 profili di escort con numero di telefono e recensioni scritte dagli utenti, perché sono accompagnati anche dalla indicazione importante della “data di annuncio” ovvero l’ultima data in cui è stato trovato un annuncio sulle bacheche online dedicate esistenti in Italia .

< <Ovviamente il settore è ancora in sofferenza per il “lockdown” generale, ma che le persone si informino dimostra ottimismo nel fatto che potranno tornare ad uscire presto – continua Mike Morra – lo testimonia il fatto che nella settimana tra il 16 ed il 22 marzo scorsi Escort Advisor ha registrato comunque una piccola inversione di tendenza: gli utenti giornalieri sono tornati a crescere >>.