Finte fidanzate, regali di Natale, viaggi per il Veglione: quello che non sai sul sesso a pagamento nelle Feste

Natale con i tuoi, Capodanno con la escort. Non è un gioco di parole ma una tendenza rilevata da Escort Advisor, il primo sito di recensioni di escort in Europa.

Sembra proprio che nulla stimoli la voglia di passare del tempo con una escort come le feste comandate. Lo testimonia un dato rilevato lo scorso anno: il picco di massimo afflusso di utenti sul sito si è registrato il 27 dicembre 2018, oltre il 49% in più rispetto al giorno di Natale. Pensando a uomini ed escort l’immaginazione va subito a fantasmagoriche evoluzioni tra le lenzuola. Sotto le feste però accade che a volte gli incontri diventino solo platonici. Non è spirito natalizio, ma specifiche esigenze del momento, che portano gli uomini a chiedere alle professioniste del sesso prestazioni “alternative”.

Capita anche che una escort venga ingaggiata con il compito di interpretare la “finta fidanzata” alle cene in famiglia del periodo di Festa, per far contenta l’anziana nonna che possa così vedere il nipote “accasato”.

Gaia Lorenzi escort di Roma spiega che la cosa più curiosa e anche tenera che mi è stata proposta è stata quella di un ragazzo che aveva un’anziana parente malata che lo voleva vedere fidanzato e sistemato, prima che lei morisse. Ho recitato la parte della fidanzata durante un pranzo in famiglia nelle Feste, ricevendo anche svariati regali dai suoi parenti come guanti e sciarpe. Negli anni mi sono stati fatti tanti regali dai clienti: dalla classica Stella di Natale, a profumi, viaggi, gioielli, bottiglie di champagne Cristal, cose di un certo valore economico. Mi hanno anche pagato l’affitto di casa, calcolando la media degli affitti a Roma non è poco, anzi sono regali considerevoli. I clienti cambiano sotto le feste, come le loro richieste. Spesso anche il cliente medio basso che si ritrova ad avere una maggior disponibilità economica decide di farsi un regalo e di spendere 150 o 200 euro che per lui solitamente sono tanti, mentre per altre persone sono la normalità. Lavorando durante Natale o Pasqua, ho notato che i clienti sono sempre le persone più sole, che magari sono state lasciate dalla propria compagna o hanno perso i genitori.

E’ dello stesso avviso Anjiolina trans di RomaUn cliente mi ha regalato una pelliccia di volpe. Mi è capitato anche un politico che non potendo esporsi a causa della famiglia mi ha fatto un bel regalo economico. Altri mi portano a cena fuori in ristoranti esclusivi. Spesso capita anche alla vigilia di Natale: un uomo che aveva i parenti lontani ha ingaggiato me per non rimanere da solo, visto che stava anche passando un periodo di crisi a causa di un divorzio. Non mancano i clienti che mi assumono per interpretare svariati ruoli: prossimamente, ad esempio, fingerò di essere la collega e amica d’infanzia di un mio cliente ad una festa a cui tra l’altro parteciperà anche la sua compagna! 

Sono molti anche gli uomini che festeggiano con le escort il Natale “postumo”: dopo il 25 e 26 passati in famiglia, con la scusa di dover andare un giorno almeno a lavorare in ufficio fra Natale e Capodanno, dedicano in realtà un giorno di ferie, che ovviamente hanno già preso, per festeggiare “privatamente” con un lungo appuntamento di oltre un’ora con la loro escort preferita, a volte unendo un pranzo o una gita all’incontro vero e proprio.

Molti uomini single scelgono invece di passare la notte di Capodanno con una escort, fedeli al detto “chi fa l’amore a Capodanno, lo fa tutto l’anno” e viceversa evidentemente. Dunque per essere sicuri di passare bene la nottata si affidano ad una professionista.

Come fa però una escort molto richiesta a scegliere con quale cliente passare il Veglione? Più di una escort ha confidato di scegliere, oltre alla tariffa, in base alla simpatia e compagnia del cliente, alla completezza del “pacchetto” offerto, ovvero quanti giorni di vacanza pagati, la località ed i benefit connessi. Si assiste così ad una gara fra uomini per offrire la località migliore, l’hotel più prestigioso, in sostanza la vacanza, per godere l’ultimo dell’anno nella compagnia della loro escort preferita ed avere in sostanza “il privilegio” di poter pagare.

Claudia escort di Roma racconta che spesso i clienti mi chiedono di accompagnarli in viaggi. Mi hanno portato a Parigi, Firenze, Perugia. Ho viaggi fissati anche per il 2020 a Venezia, Verona oltre che anche una crociera. Vogliono compagnia soprattutto se si parla di viaggi di lavoro, ma anche nel caso di vacanze. Con questo tipo di clienti si instaura un vero e proprio rapporto di amicizia, perchè nonostante sia al lavoro riesco anche a rilassarmi. Non mancano anche i regali di lusso sotto Natale: mi regalano, oltre a somme di denaro, anche mazzi di fiori, bijoux di note gioiellerie. Ovviamente è una prassi per i clienti più facoltosi, anche se devo dire che quasi tutti i miei clienti mi fanno dei doni. Durante le Feste lavoro sempre, sono reperibile e i clienti si sciolgono di più, sono meno rigidi e imbarazzati.

Come fa un amante del sesso a pagamento a decidere quale sia la escort perfetta per le proprie esigenze festive? Lo fa leggendo le recensioni che ogni escort ha sul suo profilo abbinato al numero di telefono. Escort Advisor indicizza gli annunci pubblicati sui principali siti di escort in Italia per verificare i numeri recensiti dai propri utenti. Grazie alle 150.000 recensioni raccolte dal 2014, permette agli utenti di scegliere velocemente e in sicurezza una escort corrispondente ai propri desideri, con la garanzia in più offerta dalle recensioni di altri visitatori del sito.

Sono un uomo di 46 anni, divorziato e praticamente senza parenti. Ogni anno decido di fare un viaggio durante le Feste e per non andarci da solo chiedo sempre alla escort che preferisco in quel momento di accompagnarmi – racconta un utente del sito – La scelgo leggendo i profili e soprattutto le recensioni che aiutano a farsi un’idea della persona che si va a contattare e di quello che è disposta a fare. Mi fa piacere poterle offrire tutto, ma deve essere una persona presentabile ed educata. Così facendo si possono avere tutti i “benefit”, senza impegno…

Se la domanda aumenta nei giorni subito successivi alle festività, l’offerta invece cala: infatti lo scorso anno dicembre ha registrato un calo globale del 30% di sex workers attive. La maggior parte delle professioniste del sesso decide di passare le Feste con la famiglia, tornando nei luoghi di origine e riaprendo l’attività a gennaio.

Gli utenti invece sono aumentati a livello nazionale di circa il 34% tra il 26 e il 27 dicembre 2018, mentre del 49% tra il giorno di Natale e il 27. Stesso aumento riscontrabile anche tra il 1° e il 2 gennaio 2019. Mettendo a confronto i dati sugli utenti del 6 gennaio 2019 con quelli del 7 si può notare un incremento del 30% rispetto all’Epifania.