Anche le escort vanno in vacanza

Cosa accade in estate nel settore delle escort? In attesa che la situazione pandemica rientri e tutto torni alla normalità, abbiamo osservato le tendenze degli anni precedenti per comprendere come si muove il mercato delle sex workers in Italia. Le ricerche ci sono e le visite al sito Escort Advisor sono aumentate tra il 2019 e il 2020: eppure, nonostante la domanda sia sempre costante, l’offerta in estate cala.

La ricerca di escort è stabile in estate

Il grafico qui in basso mostra le ricerche su Google per la parola chiave escort nel 2019 e nel 2020. Nel 2020, a causa della pandemia e delle restrizioni, le ricerche per escort sono state più basse rispetto al 2019.

Tuttavia, nei mesi estivi le ricerche sono state costanti. Infatti, tra giugno e agosto 2019 la parola chiave escort ha fatto registrare un volume minimo di 45 e un massimo di 54. L’anno seguente, tra giugno e agosto 2020, il minimo è stato 42 e il massimo 48. Ciò dimostra che in estate da parte dei clienti un vero e proprio calo non c’è. Quindi la domanda è stabile.

Le visite a Escort Advisor

Il numero di visite sul sito Escort Advisor dimostrano due cose: la prima, che ormai è diventato il sito di riferimento per gli incontri; la seconda, è che la ricerca di escort nei periodi estivi non cala, anzi.

I due grafici qui di seguito ci mostrano le variazioni in percentuale delle visite al sito Escort Advisor. Il primo grafico mette a confronto, mese su mese, l’andamento nell’estate 2019 e 2020. Il secondo, invece, mette a confronto sempre i tre mesi estivi ma paragonati anno su anno.

Si nota quindi, come in estate non ci sono cali notevoli. Agosto nel 2019 ha fatto segnare un calo delle visite del 5,9%, ma non c’è da stupirsi visto che anche nel 2020 lo stesso mese ha fatto registrare un aumento esiguo delle visite, +1,3%. Possiamo affermare quindi, che anche se c’è un aumento di agosto su luglio, è minore rispetto agli altri mesi: l’interesse evidentemente cala.

Il grafico di destra, invece, ci dice che il mercato delle escort in estate c’è (quanto meno nella domanda) e che il sito Escort Advisor migliora nelle visite anno su anno. Giugno 2020, nonostante la pandemia ha fatto registrare un aumento di visite pari al 32,8%. Potrebbe essere una reazione ai 3 mesi di chiusura precedente, ma così non è perché a luglio 2020 le visite sono state maggiori del 30,6% rispetto al 2019 e ad agosto si è registrato un cospicuo +40,5%.

Insomma, la domanda c’è. Vediamo, però, come si comporta l’offerta.

Quante sono le escort in estate

Il primo grafico mostra la variazione della presenza media di escort in Italia, mese su mese, nel 2019 e nel 2020. Tra giugno e luglio c’è sempre un aumento di presenza di escort nelle province italiane: nel 2019, si è registrato un +4,2%; ma l’anno seguente, nel 2020, probabilmente legata alla ripresa economica degli altri settori, anche il comparto sex workers ha fatto registrare dati positivi. Tra giugno 2020 e luglio 2020 l’aumento di escort a lavoro è stato del 28,3%.

Agosto. Dunque, osservando i dati anche le escort vanno in ferie ad agosto. Tra luglio 2019 e agosto 2019 c’è stato un calo di lavoratrici pari al 19,2%. Osservando poi i dati del 2020, non si può negare che il calo notevole è stato indotto dalla particolarità dell’anno: le escort tra luglio 2020 e agosto 2020 sono calate dell’80%.

Focus Ferragosto

Riprendiamo il grafico sulle ricerche della parola escort su Google e osserviamo cosa accade solo nei tre mesi estivi.

Sia nel 2019 che nel 2020 le ricerche tendono ad aumentare nella settimana che va tra l’11 agosto e il 18 agosto. Questo dimostra che da parte dei clienti c’è domanda di escort e voglia di incontrarsi anche nel periodo clou dell’estate italiana.

Eppure, manca l’offerta. Le escort vanno in vacanza come abbiamo visto nel paragrafo precedente, ma questa volta c’è una particolarità. Innanzitutto, la media della variazione è di gran lunga inferiore rispetto alla tendenza del mese di agosto: se tra il 2019 e il 2020 il calo è stato del 76,8%, il giorno di Ferragosto degli stessi anni è calato solo del 28,3%. Come mai?

Questo perché ci sono state alcune province che hanno fatto segnare variazioni positive notevoli. Il grafico qui in alto mostra le prime 20 città con la variazione migliore tra il 15 agosto 2019 e il 15 agosto 2020. La provincia di Lecce passando da 36 escort a 110, ha fatto segnare un aumento del 205,6%; seguita da Latina con 173,2%, Rieti 41,7%, Aosta 11,5%. Tra queste venti province ci sono le tipiche mete turistiche di mare come appunto il leccese, ma anche Reggio Calabria con -2,5%, Siracusa con -6,8%, Napoli con -11%, e poi Barletta, Rimini, Grosseto e Sassari.

Perché teniamo in considerazione queste città, nonostante il segno meno. Perché il calo è da inquadrare in quello che era l’ambiente esterno al settore delle escort: nel confronto dei mesi di agosto, come detto, il calo è del 76,8% di media e queste venti città sono ben al di sotto di questa media e alcune fanno registrare un segno positivo; infine, era l’estate del covid e l’incertezza era tanta.